I tozzetti di Giuseppina. Ricette dal mio quaderno di famiglia.

Nelle campagne umbre non esisteva casa o casale che non avesse un piccolo pezzo di terra e in esso qualche pianta da frutto. Ricordo che anche noi, pur vivendo in città avevamo un giardino con diversi alberi da frutto.

Non poteva mancare il noce, il piccolo albero di mele, il fico.

Dal dopoguerra in poi le campagne vennero progressivamente abbandonate, un danno enorme per la biodiversità.

In pochi decenni si sono perse le varietà di alberi attorno ai quali girava l’economia famigliare e con essi i sapori con cui intere generazioni sono cresciute.

Qualche vecchio, se hai la fortuna di parlarci, racconta di quei sapori, forse la fame era diversa, ma la bellezza di quelle narrazioni fanno apparire quei frutti come di un sapore meraviglioso.

Il nocciolo era di casa quasi ovunque ed è proprio in questa stagione se ne raccoglievano i frutti.

Intorno al tavolo io e mia nonna rompevamo il guscio e mia madre le raccoglieva per la tostatura, sarebbero finite nei biscottini.

Mia nonna mi diceva di “cantare” mentre le sgusciavo così la bocca era impegnata in altro, sventando il rischio di essere mangiate.

Ricordo il profumo della tostatura che invadeva la casa.

In realtà non sono biscotti, almeno questi di cui vi parlo. Una ricetta semplicissima, con tutti ingredienti che si potevano trovare in casa.

I tozzetti, sono dei dolcetti tipici delle nostre campagne. Mia madre, ne faceva anche un altro tipo, più lavorati e più ricchi ma io preferisco questa ricetta, mi ricorda il profumo delle nocciole tostate e l’atmosfera di quei pomeriggi di fine estate.

Nel mio quaderno di ricette di famiglia, i tozzetti hanno questo titolo:

Tozzetti Giuseppina

la ricetta potete trovarla qui: B-Hop.it www.b-hop.it